sabato 9 luglio 2016

Rioni Piaggio e Fondovito


Rioni Piaggio e Fondovito

I quartieri Piaggio e Fondovico, costruiti secondo un impianto medioevale, presentano tracciati stradali che si adagiano all’andamento naturale del terreno, seguendo la minore pendenza, con case che si succedono dall’alto in basso e che sono arricchite da un continum di strade, parapetti, davanzali, archi, comignoli, balconi, giardini.
Quello che appare oggi è certamente il frutto di un processo di edificazione realizzata in diverse epoche, a partire dall’Habitat rupestre.
Oggi purtroppo in stato di grave abbandono con crolli vari.
La forma dei rioni è legata alla morfologia del terreno che ha condizionato e caratterizzato la struttura urbana dei due quartieri antichi.
La marginalità dei siti inizia con lo sviluppo della città nel periodo Aragonese seguendo l’asse di sviluppo ovest-est, spostando il centro socio-politico-economico verso il Palazzo Ducale, con l’insediamento delle classi nobili verso la nuova fascia urbana, caratterizzata da edifici padronali che si affacciano e coronano i vecchi quartieri.
Marginalità che si è accentuata negli anni ‘70-’80 a seguito del trasferimento dei nuclei familiari nelle zone residenziali di nuova espansione.

Nessun commento:

Posta un commento