martedì 29 dicembre 2015

Il limoncello della comare Lina

Ho trovato questa interessante ricetta in rete per avere un limoncello chiaro, quasi come lo faceva mia madre, purtroppo ho perso , l'originale di mia madre al quale aggiungeva foglie di citronella e malvarosa (un geranio con i fiori rosa e le foglie profumate al limone).

Non aspetterò i canonici 7 giorni bensì come mi ha detto un amico che lavora all'università, velocizzeremo il tutto preparando dell'acqua a 50 gradi non di più e immergendo il contenitore di vetro utilizzato per l'infusione, lasciandolo in pace finchè l'aqua non si raffredda o al massimo 2 ore e poi filtrando il tutto e pestando in un torchio le bucce per estrarre tutto il possibile delle essenze ancora rimaste dentro.
Lasceremo a maturare per una 15 di giorni (forse), e si forse perchè se è buono come quello di mia madre, non credo che rimarrà imbottigliato a lungo

Rocco Michele Renna


Il limoncello della comare Lina di Mammazan


Se si ha a che fare con una persona che rema contro.......



O che a tutti i costi vuole stravolgere il carattere, le abitudini, l'approccio dell'altro.....



L'infelicità più che un'ipotesi da scongiurare, è una sicurezza......

Antonella Ruggiero - cantante ( 1952)



Due parole sulla comare Lina...ma devo risalire indietro nel tempo........
Quando mio nonno e mia nonna vennero a Torino nel lontano 1957 in occasione della nascita di mio fratello, affidò il controllo dei lavori della vigna e della casa che possediamo in meridione ad un contadino , uomo onesto e affidabile.......quello che diventò il compare Pietro........
Anni dopo lui e sua moglie vennero in treno a casa nostra ...sempre a Torino ( quindi si sobbarcarono il lungo viaggio in treno...insolito per loro che non si muovevano mai dalla loro terra) per chiedere a mia madre, di persona, l'onore di diventare la madrina di cresima della loro unica figlia..quella che diventò la famosa comare Lina del limoncello.....
Il comparaggio si estese a tutti i componenti della mia famiglia anche quelli acquisiti ..perfino mio genero è diventato il compare Simone e comparelli saranno anche i suoi figli quando arriveranno.......
Diventare compari come ad esempio I testimoni di di nozze ( compari d'anello ) di battesimo ( si crea U' san Giuann) o di cresima crea un legame forte ...si diventa quasi parenti insomma ......
Ma veniamo a questa preparazione che è semplice, richiede poco tempo, il risultato dell'infusione è limpido a differenza di altre ricette simili ...unico guaio...se ne va come fosse acqua.....
Rispetto alla ricetta originale ho aumentato la quantità dell'acqua usata per preparare lo sciroppo...il limoncello era troppo forte.....

Tempo di preparazione: circa 30'
Costo: medio-alto ( è un liquore quindi non può costare poco)
Difficoltà:*

INGREDIENTI

110 gr di bucce di limoni bio corrispondenti a 6 grossi limoni

Per lo sciroppo

800 gr di acqua
600 gr di zucchero
600 gr di alcool a 95°


Ecco qui sotto i limoni bio...



Se si ha a disposizione un pelapatate come quello che possiedo io per pelare tutti i limoni, solo la parte gialla, ci vogliono non più di 10'......



Sistemare le bucce suddividendole in tre barattoli da 3/4 ( non li ho riempiti del tutto con lo sciroppo che ho preparato in seguito)......


Intanto preparare lo sciroppo sciogliendo lo zucchero nell'acqua e facendolo sobbollire per 3'/4'
e poi, per farlo raffreddare più rapidamente, immergere la pentola nel lavandino pieno di acqua fredda..... per velocizzare cambiare l'acqua più volte.....



Quando lo sciproppo sarà ben fredd....ma veramente freddo (altrimenti il liquore diventerà opaco) aggiungere l'alcool e mescolare bene......



Suddividere il mix ottenuto nei tre barattoli e chiudere perfettamente ..... scuotendoli almeno 2 volte al giorno per 7 giorni......

Questo è il bell.... dopo una settimana ( se passa qualche giorno in più non è un problema) imbottigliare in bottiglie con chiusura a vite o, meglio ancora con la macchinetta che ho fotografato quando ho postato il liquore al timo.......



Il limoncello dovrebbe " maturare"per almeno un mesetto normalment, ma la comare Lina mi ha detto che si può usare subito...
Mia figlia e mio genero prendono di solito in parola questa raccomandazione...sono curiosa di sapere quanto durerà....
A tutti buona domenica!!!!

Fonte: Mammazan
          limoncello veloce

sabato 26 dicembre 2015

Quanno nascette Ninno o tu scendi dalle stelle?

S, Alfonso Maria de'Liguori
Quanno nascette Ninno è un canto natalizio in napoletano, scritto da sant'Alfonso Maria de' Liguori. Da questo canto deriva Tu scendi dalle stelle.

"Quanno nascette Ninno", chiamato anche con il nome "Pastorale", fu scritto in lingua napoletana nel dicembre 1754 a Deliceto, in provincia di Foggia, da Alfonso Maria de' Liguori, prima persona a usare il napoletano per canti religiosi.In origine il canto si chiamava Per la nascita di Gesù, nome con il quale nell'anno 1816 venne pubblicato.
Dopo la prima edizione, "Quanno nascette Ninno" ha subito varie riedizioni e modifiche, una delle quali ad opera di Marco Frisina. È stato, inoltre, interpretato da vari cantanti italiani di musica leggera, popolare e cori, fra cui Mina, Edoardo Bennato, Pina Cipriani e Piccolo Coro dell'Antoniano. Da questo canto proviene un altro canto natalizio, Tu scendi dalle stelle.
A livello musicale, "Quanno nascette Ninno" è in 6/8 e pone l'accento su secondo e quarto tempo, ed è caratterizzato dalla sequenza croma-semiminima che compare molto frequentemente nel brano. Il brano inizia con una anacrusi.
Inizio di "Quanno nascette Ninno" (versione originale)

Il testo del canto, scritto in lingua napoletana così da poter esser compreso dai fedeli napoletani, è costituito da strofe di sette versi ciascuna, eccetto alcune che sono irregolari.

Le prime strofe raccontano e descrivono in modo generale la nascita di Gesù e come il mondo, a causa di questo evento particolare, si trasforma («Co tutto ch'era vierno, Ninno bello, / Nascetteno a migliara rose e sciure. / Pe 'nsí o ffieno sicco e tuosto / Che fuje puosto - sott'a Te, / Se 'nfigliulette, / E de frunnelle e sciure se vestette.»).
Le strofe che vanno dalla sei alla dieci raccontano, seguendo quanto è scritto nel Vangelo di Luca, al quale vengono aggiunti particolari fantasiosi, l’annuncio degli Angeli ai pastori, i quali, dopo esser venuti a conoscenza della nascita di Gesù, s'affrettarono ad andarlo a trovare («Che tardammo? - Priesto, jammo, / Ca mme sento scevolí / Pe lo golfo / Che tengo de vedè sso Ninno Dio.»). Nelle strofe seguenti viene descritta l’adorazione del Bambino in modo molto poetico e fantasioso, non molto dissimile all'immaginazione popolare («Correttero i Pasture a la Capanna; / Là trovajeno Maria / Co Giuseppe e a Gioja mia; [...] Restajeno 'ncantate e boccapierte / Pe tanto tiempo senza dì parola; / Po jettanno - lacremanno / Nu suspiro pe sfocà, / Da dint'o core / Cacciajeno a migliara atte d'amore. [...] Ninno [...] Ca lle mettette/le Mmane 'n capo e li benedicette. [...] Cercajeno licenzia a la Mamma: / Se mangiajeno li Pedille / Coi vasille - mprimmo, e po / Chelle Manelle, / All'urtemo lo Musso [...] Po assieme se mettetteno a sonare / E a cantà cu l'Angiule e Maria, [...] "Viene suonno da lo Cielo, / Vien'e adduorme sso Nennillo;/ Pe pietà, ca è peccerillo, / Viene suonno e non tardà.»).
Nelle strofe che seguono, il testo è in prima persona e parla di pentimento dei propri peccati e di come, nonostante i sacrifici di Gesù, si continui a peccare («Io pure songo niro peccatore, / Ma non boglio esse cuoccio e ostinato. / Io non boglio cchiù peccare, / Voglio amare - voglio stà / Co Ninno bello [...] Ma Tu mme diciarraje ca chiagniste, / Acciò chiíagnesse pure o peccatore. / Agg o tuorto - haje fosse muorto / N'ora primmo de peccà! / Tu m'aje amato, / E io pe paga t'aggio maltrattato!»). Nelle ultime strofe, strettamente correlate con quelle precedenti, si sviluppa un contrasto tra la luce e le tenebre («Nennillo mio, Tu si sole d'amore, / Faje luce e scarfe pure o peccatore / Quanno è tutto - niro e brutto / Comm'a pece, tanno cchiù / Lo tiene mente, / E o faje arreventà bello e sbrannente.») seguito, poi, da una preghiera è rivolta alla Madonna («O Maria - Speranza mia, / Ment'io chiango, prega Tu: / Penza ca pure / Si fatta Mamma de li peccature.»)

Il testo originale del canto non è giunto sino a noi per intero, e diverse sono le versioni oggi cantate. La versione oggi più conosciuta è la seguente:

Quanno nascette Ninno a Bettlemme
Era nott'e pareva miezo juorno.
Maje le Stelle - lustre e belle Se vedetteno accossí:
E a cchiù lucente
Jett'a chiammà li Magge all'Uriente.

De pressa se scetajeno l'aucielle
Cantanno de na forma tutta nova:
Pe 'nsí agrille - co li strille,
E zombanno a ccà e a llà;
È nato, è nato,
Decevano, lo Dio, che nc'à criato.

Co tutto ch'era vierno, Ninno bello,
Nascetteno a migliara rose e sciure.
Pe 'nsí o ffieno sicco e tuosto
Che fuje puosto - sott'a Te,
Se 'nfigliulette,
E de frunnelle e sciure se vestette.

A no paese che se chiamma Ngadde,
Sciurettero le bigne e ascette l'uva.
Ninno mio sapuritiello,
Rappusciello - d'uva -sì Tu;
Ca tutt'amore
Faje doce a vocca, e po 'mbriache o core.

No 'nc'erano nnemmice pe la terra,
La pecora pasceva co lione;
Co' o caprette - se vedette
O liupardo pazzeà;
L'urzo e o vitiello
E co' lo lupo 'npace o pecoriello.

Se rrevotaje nsomma tutt'o Munno,
Lu cielo, a terra, o mare, e tutt'i gente.
Chi dormeva - se senteva
'Npiett'o core pazzeà
Pe la priezza;
E se sonnava pace e contentezza.

Guardavano le ppecore i Pasturi,
E n'Angelo sbrannente cchiù d'o sole
Comparette - e le dicette:
No ve spaventate no;
Contento e riso
La terra è arreventata Paraviso.

A buie è nato ogge a Bettalemme
Du Munno l'aspettato Sarvatore.
Dint'i panni o trovarrite,
Nu potite - maje sgarrà,
Arravugliato,
E dinto a lo Presebbio curcato.

A meliune l'Angiule calate
Co chiste se mettetten'a cantare:
Gloria a Dio, pace'n terra,
Nu cchiù guerra - è nato già
Lo Rre d'amore,
Che dà priezza e pace a ogni core.

Sbatteva o core mpietto a ssi Pasture;
E l'uno 'nfaccia all'auto diceva:
Che tardammo? - Priesto, jammo,
Ca mme sento scevolí
Pe lo golfo
Che tengo de vedè sso Ninno Dio.

Zombanno, comm'a ciereve ferute,
Correttero i Pasture a la Capanna;
Là trovajeno Maria
Co Giuseppe e a Gioja mia;
E 'n chillo Viso
Provajeno no muorzo e Paraviso.

Restajeno 'ncantate e boccapierte
Pe tanto tiempo senza dì parola;
Po jettanno - lacremanno
Nu suspiro pe sfocà,
Da dint'o core
Cacciajeno a migliara atte d'amore.

Co a scusa de donare li presiente
Se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
L'azzettaje - comm'a ddí,
Ca lle mettette
Le Mmane 'n capo e li benedicette.

Piglianno confedenzia a poco a poco,
Cercajeno licenzia a la Mamma:
Se mangiajeno li Pedille
Coi vasille - mprimmo, e po
Chelle Manelle,
All'urtemo lo Musso e i Mascarielle.

Po assieme se mettetteno a sonare
E a cantà cu l'Angiule e Maria,
Co na voce - ccossí doce,
Che Gesù facette: ah aah...
E po chiudette
Chill'uocchie aggraziate e s'addormette.

La ninna che cantajeno mme pare
Ch'avette a esse chesta che mò dico.
Ma nfrattanto - o la canto,
Mmacenateve de stà
Co li Pasture
Vecíno a Ninno bello vuje pure.

"Viene suonno da lo Cielo,
Vien'e adduorme sso Nennillo;
Pe pietà, ca è peccerillo,
Viene suonno e non tardà.

Gioia bella de sto core,
Vorria suonno arreventare,
Doce, doce pe te fare
Ss'uocchie bell'addormentà.

Ma si Tu p'esser'amato
Te si fatto Bammeniello,
Sulo amore è o sonnariello
Che dormire te po fa.

Ment'è chesto può fa nonna,
Pe Te st'arma è arza e bona.
T'amo, t'a... Uh sta canzona
Già t'ha fatto addobeà!
T'amo Dio - Bello mio,
T'amo Gíoja, t'amo, t'a...

Cantanno po e sonanno li Pasture
Tornajeno a le mantre nata vota:
Ma che buò ca cchiù arrecietto
Non trovajeno int'a lu pietto:
A o caro Bene
Facevan' ogni poco ò va e biene.

Lo 'nfierno sulamente e i peccature
Ncocciuse comm'a isso e ostinate
Se mettetteno appaura,
Pecchè a scura - vonno stà
Li spurtegliune,
Fujenno da lo sole li briccune.

Io pure songo niro peccatore,
Ma non boglio esse cuoccio e ostinato.
Io non boglio cchiù peccare,
Voglio amare - voglio stà
Co Ninno bello
Comme nce sta lo voje e l'aseniello.

Nennillo mio, Tu si sole d'amore,
Faje luce e scarfe pure o peccatore
Quanno è tutto - niro e brutto
Comm'a pece, tanno cchiù
Lo tiene mente,
E o faje arreventà bello e sbrannente.

Ma Tu mme diciarraje ca chiagniste,
Acciò chiíagnesse pure o peccatore.
Agg o tuorto - haje fosse muorto
N'ora primmo de peccà!
Tu m'aje amato,
E io pe paga t'aggio maltrattato!

A buje, uocchie mieje, doje fontane
Avrite a fa de lagreme chiagnenno
Pe llavare - pe' scarfare
Li pedilli di Giesù;
Chi sa pracato
Decesse: via, ca t'aggio perdonato.

Viato me si agqio sta fortuna!
Che maje pozzo cchiù desiderare?
O Maria - Speranza mia,
Ment'io chiango, prega Tu:
Penza ca pure
Si fatta Mamma de li peccature.
Traduzione del testo in italiano

Nella traduzione, il termine Ninno, è stato tradotto con il nome Bambino e non con Gesù, nonostante si riferisca a lui, poiché questo in italiano vuol dire Bambino.[3]

Quando nacque il Bambino a Betlemme
Era notte e pareva mezzogiorno.
Mai le Stelle luccicanti e belle
Si videro così:
E la più lucente
andò a chiamare i Magi ad Oríente.

Subito si svegliarono gli uccelli
Cantando in una forma tutta nuova:
Persino i grilli con gli strilli,
saltando di qua e di là;
È nato, è nato,
Dicevano, il Dio, che ci ha creato.

Nonostante fosse inverno, Bambino bello,
Spuntarono migliaia di rose e di fiori.
Persino il fieno secco e tosto
Che fu posto sotto di Te,
S'ingemmò,
E di fronde di fiori si rivestì.

In un paese che si chiama Engaddi,
Fiorirono le vigne e spuntò l'uva.
Bambino mio, così saporito,
Grappolino d'uva sei Tu;
Che tutto amore
Fai dolce la bocca, e poi ubriachi il cuore.

Non c'erano nemici per la terra,
La pecora pascolava con il leone;
Con le caprette si vide
Il leopardo giocare;
L'orso e il vitello
E con il lupo in pace l'agnellino.

Si rivoltò insomma tutto il Mondo,
Il cielo, la terra, il mare, e tutte le genti.
Chi dormiva si sentiva
Nel petto il cuore saltare
Per l'allegria;
E si sognava pace e contentezza.

Guardavano le pecore i Pastori,
E un Angelo splendente più del sole
Comparve e disse loro:
Non vi spaventate, no!
C’è felicità e riso:
La terra è divenuta Paradiso.

Per voi oggi a Betlemme è nato
L’atteso Salvatore del Mondo.
Lo troverete, non potete sbagliarvi,
Avvolto nelle fasce
E adagiato nella mangiatoia

Milioni gli Angeli calarono
Con questi si misero a cantare:
Gloria a Dio e pace in terra,
Non più guerra - è nato già
Il Re d'amore,
Che dà allegrezza e pace a ogni cuore.

Sbatteva il cuore in petto ai Pastori;
E l'uno all'altro diceva:
Perché aspettiamo? - Presto, andiamo
, Ché me sento venir meno
Il desiderio
Che ho di vedere il Dio fattosi bimbo.

Saltando, come cervi feriti,
Corsero i Pastori alla Capanna;
Là trovarono Maria
Con Giuseppe e la Gioia mia;
E in quel Viso
ebbero un assaggio del Paradiso.

Rimasero incantati a bocca aperta,
Per tanto tempo senza dire parola;
Poi fecero - lacrimando -
Un sospiro per dare sfogo ai loro sentimenti.
Dal profondo del cuore
con mille gesti emisero il loro amore.

Con la scusa di offrire doni
Iniziarono da accostarsi piano piano
Il Bambino non li rifiutò,
Li accettò e mostrò il suo gradimento,
mettendogli loro
Le Mani sul capo e li benedisse.

Prendendo confidenza a poco a poco,
Chiesero il permesso alla Mamma:
Si mangiarono i Piedini
Coi bacetti - prima, e poi
Quelle Manine,
E all'ultimo il Musetto e le Guancine.

Poi assieme si misero a suonare
E a cantare con l'Angelo e Maria,
Con una voce - così dolce,
Che Gesù fece: ah aah...
E poi chiuse
Quegli occhi aggraziati e s'addormentò.

La ninna nanna che cantarono mi pare
Dovesse essere quella che ora dico.
Ma intanto - che io la canto,
Immaginatevi di stare
Coi Pastori
Vicino al Bambino bello.

"Vieni sonno dal Cielo,
Vieni e addormenta questo Bambinello;
Per pietà, ché è piccino,
Vieni sonno e non tardare.

Gioia bella di questo cuore,
Vorrei diventare sonno,
Per farti, dolce, dolce
Addormentare quest'occhi belli.

Ma se Tu per esser amato
Ti sei fatto Bambinello,
Solo amore è quel dolce sonnellino
Che può farti addormentare.

Se è così, puoi fare la nanna,
Per Te quest’anima è bella e arsa.
Ti amo, ti a... uh! questa canzone
Già ti ha fatto addormentare.
Ti amo, Dio, bello mio,
Gioia mia, Ti amo, Ti amo.

Cantando poi e suonando i Pastori
Tornarono alle mandrie un'altra vota:
Ma cosa vuoi? non trovarono
Più riposo nel petto:
Al caro Bene
Facevano ogni poco va e víeni.

L'inferno solamente e i peccatori
Testardi come esso e ostinati
Si misero paura,
Perché nella tenebra vogliono stare
I pipistrelli,
Fuggendo dal sole i bricconi.

Io pure sono un nero peccatore,
Ma non voglio essere duro e ostinato.
Io non voglio più peccare,
Voglio amare voglio stare
Con il Bambino bello
Come ci stanno il bue e l'asinello.

Bambinello mio, Tu sei sole d'amore,
Fai luce e scaldi pure il peccatore
Quando è tutto nero e brutto
Come la pece, tanto più
Lo tieni a mente,
E lo fai diventare bello e splendente.

Ma Tu mi dirai che hai pianto,
Affinché piangesse pure il peccatore.
Ho torto, ahi! fossi morto
un'ora prima di peccare!
Tu m'hai amato,
E io come ringraziamento t'ho maltrattato!

A voi, occhi miei, due fontane
Avrete da fare di lacrime piangendo
Per lavare - per scaldare
i piedini di Gesù;
Chissà che placato
Non mi dica: via, che t'ho perdonato.

Beato me se ho questa fortuna!
Che mai posso più desiderare?
O Maria - Speranza mia,
Mentr'io piango, prega Tu:
pensa che sei pure
divenuta madre anche dei peccatori!

Fonte wikipedia

venerdì 18 dicembre 2015

Palummella zompa e vola


Palummella zompa e vola è una canzone napoletana popolare anonima, ispirata da un'aria del personaggio di Brunetta dall’opera buffa La Molinarella, di Niccolò Piccinni, andata in scena a Napoli nel 1766.Il testo originale era una satira contro il Regno d'Italia e un lamento alla perduta libertà del meridione all'indomani di quella che per taluni era ritenuta una conquista ingiusta. La cosa non appare strana se si considera che all'epoca era cosa non rara utilizzare arie di canzoni celebri modificandole per far nascere canzoni satiriche nei confronti dei regnanti. La canzone divenne ben presto molto popolare, ma il testo, considerato troppo sovversivo dalle autorità sabaude, venne modificato e quello originale andò perso. Il testo, così come oggi lo conosciamo, fu redatto e cantato per la prima volta nel 1873, come si evince dagli Archivi sonori della RAI, che ne attribuisce la paternità a Teodoro Cottrau.
Nel film "Ferdinando I, re di Napoli” di Franciolini, pellicola del 1961 girata per i festeggiamenti dell'Unità d'Italia, si vede Eduardo De Filippo interpretare Pulcinella che attraverso la canzone Palummella prende in giro Ferdinando I di Borbone. Il regista, commise un falso storico, nonostante aveva inventato fantasiosamente la storia della canzone e presentandola come rivolta contro il "re Borbone".
questa canzone era vietata anche fischiettarla e in molti hanno pagato caro la sfida di fischiettarla per strada

Testo della canzone (versione attuale)
« Palummella zompa e vola

addó sta nennélla mia…
Non fermarte pe’ la via
vola, zompa a chella llá…

Co’ li scelle, la saluta…
falle festa, falle festa
attuorno attuorno…
e ll’hê ‘a dí ca, notte e ghiuorno,
io stó’ sempe, io stó’ sempe a sospirá…

Palummella, vola vola
a la rosa de ‘sto core…
Non ce sta cchiù bello sciore
che t’avesse da piacé…

‘A ll’addore, ca tu siente…
‘a chill’uocchie, ‘a chill’uocchie,
‘a chillo riso…
credarraje,
ca, ‘mparaviso,
tu si’ ghiuta… tu si’ ghiuta…
oje palummé’!

A lu labbro curallino,
palummé’ va’ zompa e vola…
‘ncopp’a chillo te cunzola
e maje cchiù non te partí!…

Ma si vide ca s’addorme…
e te vène, e te vène,
lo tantillo…
tu ll’azzecca
no vasillo…
e pe’ me, e pe’ me,
n’auto porzí!

testo della canzone ricordata dai più anziani

Palummella zompa e bbola
Dint”e bbraccia ‘e nenna mia
Vancelle a ddicere ca io mo moro
Palomma mia palomma mia dincello tu
So’ bbenuto da Palermo
Pe bedè a nenna mia
St’uocchie tuoie so’ mmalandrine
Hann’arrubbato,hann’arrubbato ‘o core a me
Cacciatore ca vaie a caccia
A sta quaglia mpertinente
Essa ha ngannate a tante ggente
E mo te nganna a mo te nganna pure a te

sarebbe bello trovare il testo originale ormai perduto
Rocco Michele Renna

 

venerdì 11 dicembre 2015

ATTI VANDALICI SUL PIANORO Madonna della Stella




A quanto pare nella bellissima città di Gravina non si perde il vizio di scrivere sui muri o distruggere il bene civico. In data odierna il nostro concittadino Francesco Calderoni fa una segnalazione sul noto network “Facebook” di una sua scoperta che sinceramente fa rimanere allibite ogni persona di buona volontà che vorrebbe vedere la propria città sempre più bella:
F. Calderoni :“ATTI VANDALICI SUL PIANORO … distrutta la sentieristica Installata appena una settimana fa. Distrutte 3 giorni fa e nessuno se n’è accorto. Alla faccia della rigenerazione e della valorizzazione dei luoghi…” 
C’è da considerare che in quella zona si raggruppano giovani e adolescenti in cerca di fumo e alcool, e fino a tarda ora ne combinano delle belle, ci vorrebbe più controllo e soprattutto cultura civica da insegnare nelle scuole.
Dopo la scritta sul ponte a tante altre criticità come le condizioni degli oggetti e macchinari della civiltà contadina messi in mostra nel parco Robinson lasciati al vandalismo di chiunque, per non parlare dello stato di abbandono del più grande parco archeologico d'Europa , il  Parco di Botromagno.
Parco Robinson: qui mancano gia diversi pezzi
La situazione sembra ormai fuori controllo e le associazioni di volontariato poco possono fare, sembra che alcune associazioni cittadine non abbiano neppurre la volontà di fare. Che fine hanno fatto le Guardie Ambientali comunali? Perché non si sono più istituite? Sarebbe Pronto il palazzo di Città ad accogliere una eventuale richiesta da una associazione di Volontariato attrezzata già con guardie e aspiranti guardie ambientali e zoofile a ricoprire il ruolo sotto la direzione del Comune e con appoggio alla Polizia di Stato e Municipale?

Faccio richiesta alle istituzioni come Socio Fondatore e rappresentante per Gravina e Altamura del Movimento Duosiciliano che si attui un piano di controllo
e repressione di questi atti vandalici che danneggiano l'economia cittadina già disastrata.
Confidando nella buona fede del Primo Cittadino e aspettandoci una risposta in breve tempo perché la città e il suo territorio non possono più attendere.
 Rocco Michele Renna

Abbiate cura di chi vi vuole bene


Cani, gatti e botti di capodanno: ecco cosa fare!Tra poco sarà capodanno,ecco cosa fare per difendere i nostri cani e gatti dalla paura dei botti:1) Non mostratevi troppo protettivi nei confronti dei cani e gatti quando ci sono i botti di capodanno, soprattutto non guardateli negli occhi: il rischio è di intimorirli ed aumentare così la loro paura. Quello che si può fare è cercare di far si che il cane si distragga il più possibile. Fatelo giocare, lanciategli la pallina, distraetelo senza sgridarlo o accarezzarlo. Se lo sgridate rischiate di aumentare la sua ansia. Se lo accarezzate o lo prendete in braccio confermate le sue paure. Il modo migliore è distrarlo con il gioco durante i botti.2) Tenete cani e gatti dentro casa, meglio se in una stanza lontana dai possibili rumori e in penombra, con un rifugio già localizzato e preparato per essere il più confortevole possibile (magari, sotto al letto);
3) Attenuate l’effetto dei botti dei fuochi artificiali accendendo la radio o la televisione;
4) Non lasciate cani e gatti da soli all’esterno (in giardino, sul balcone, in cortile, in terrazzo)nei giorni dei botti di capodanno: date le reazioni incontrollabili, potrebbero farsi male, scappare oppure, se ai piani alti, buttarsi giù. Abbiate cura di togliere da fuori casa le gabbie di volatili, roditori e simili;
5) Non tenete assolutamente i cani legati a catena: nella foga di scappare o di liberarsi, si potrebbero strozzare da soli;
6) Se siete a passeggio, abbiate premura di tenere saldamente il guinzaglio del vostro cane, facendo maggiore attenzione se siete cardiopatici e anziani;
7) Nel caso già sappiate che il vostro cane o gatto si agita per i botti di Capodanno, munitevi preventivamente del numero del veterinario di fiducia e chiamatelo prima per sapere se per tranquillizzare il vostro animale domestico è necessario un blando sedativo;
8) In previsione di gesti sconsiderati come la fuga, abbiate cura per tempo di microchippare/tatuare/munire di medaglietta il vostro animale in modo che in caso di fughe sia eventualmente identificabile.

Fonte: Polizia di Stato

sabato 5 dicembre 2015

Il 10° Ducato d'oro, Festival nazionale della canzone per bambini





FESTIVAL NAZIONALE della Canzone per bambini a Gravina In Puglia nel cine teatro Sidion, una manifestazione che è cominciata già dalla mattinata con la presentazione dei ragazzi e una conferenza stampa, accompagnata dalle prelibatezze delle varie regioni interessate nel chiostro di San Sebastiano.

Il 10° DUCATO D'ORO Una manifestazione che merita di continuare a vivere per tantissimi anni, è stato bellissimo ascoltare le voci di quegli angeli che la maestra ha saputo plasmare, per non parlare dei bambini delle otto regioni d'Italia intervenute: Puglia, Campania, Emilia Romagna, Sicilia, Lazio, Calabria, Basilicata, Lombardia. Con canzoni inedite accompagnate in gara dal coro “MARIELE VENTRE” riconosciuto dall'Antoniano di Bologna e diretto magnificamente dalla Prof.ssa Enza Pappalardi (la maestra Enza).
 Ha vinto il rappresentante della Sicilia, un bambino che andrà lontano, con la sua voce riusciva a solleticarmi i timpani e anche la mimica degna di un professionista con la sua canzone sul tempo "IL TEMPO E' UN MASCALZONE".
Anche il Sindaco della città di Gravina, reduce da un incontro con altri sindaci per discutere sul futuro del turismo locale nell'ambito UNESCO ha voluto dare il suo contributo per la riuscita della manifestazione canora.

Umberto Sardella
Meritavano di vincere tutti ma si sa le regole sono tiranne e i ducati pochi come direbbe l'attore UMBERTO SARDELLA del cast di MUDU' e impegnato anche in film di alto impegno sociale, come lo è l'ultimo in ordine di tempo in onda su RAI 1 "QUESTO E' IL MIO PAESE" intervenuto anch’esso alla manifestazione canora. Ha voluto dare il suo contributo “gratuitamente” e magistralmente ha sfidato e vinto gli attacchi che morfeo stava lanciando, vista l’ora tarda, ha dato il meglio di se è tutta la sala lo ha apprezzato.
 Dobbiamo far Notare che Umberto Sardella è uno di quei pochi attori che prestano la loro opera gratuitamente per il sociale, specialmente se si tratta di una buona causa come questa volta che vedeva una raccolta fondi devoluti all'associazione “RUOTABILE”,

Una piccola nota stonata all’audio non era dei più eccelsi ma non per colpa dei bambini, anche perchè mi trovavo propio a due passi dalla cassa acustica e a detta dei tecnici cosi vicino l'audio distorce, invece nel resto della sala era ok, un server all'altezza della manifestazione, come si dice nonostante tutto è stata una bellissima serata, buona anche la decima e avanti cosi al prossimo anno

Rocco Michele Renna