venerdì 30 settembre 2016

A Gravina una nuova disciplina olimpica: il salto sul cofano dell’auto!



A Gravina una nuova disciplina olimpica: il salto sul cofano dell’auto!
Su segnalazione di un residente di Via Vittorio Veneto, si fa notare il parcheggio selvaggio che definisce una situazione anomala la quale ostacola la libertà personale dei residenti stessi.
Come si evince dalla foto sia i residenti che i pedoni sono costretti a fare acrobazie olimpiche, salto ad ostacoli con specialità cofano dell’auto.
Vista l’istituzione dei parcheggi per residenti al centro Storico, come mai non ci sono per quelli di via Vittorio Veneto, visto che devono pagare il ticket per poter parcheggiare nei pressi della propria abitazione, al civico in questione? quando riescono a trovarlo vista a situazione...
Tempo fa c’erano dei vasi come dissuasori di parcheggio, poi furono sostituiti dai paletti in metallo ed ora solo da un divieto di sosta che a quanto pare risulta pure scomparso, non è certamente il titolo di un giallo estivo da portare sulla spiaggia “Il mistero del divieto scomparso", purtroppo è la verità, ai residenti non resta che rivolgersi alla trasmissione Rai "chi l'ha visto.
Un fatto veramente increscioso: a volte non riescono nemmeno a chiudere la porta per via dell’auto parcheggiata, per non parlare dei danni arrecati da chi , parcheggiando, ci urta contro o non possono né entrare e né uscire di casa.
Sarebbe ora di risolvere questo increscioso modus vivendi di certi automobilisti, incivili e maleducati, sia verso i pedoni che verso i residenti, chiediamo infine al sindaco di Gravina di porre rimedio alla incresciosa situazione, confidando nel rispetto che ha per la sua città e la sua popolazione, altrimenti, visto che la Raggi a Roma ha rifiutato le olimpiadi perché non le accettiamo noi? Ormai i residenti di Via Vittorio Veneto sono così allenati che potrebbero addirittura prendere la medaglia d’oro portando lustro alla città. Come si dice: “Ciò che non mi distrugge mi fortifica”
Rocco Michele Renna

Nessun commento:

Posta un commento