venerdì 18 dicembre 2015

Palummella zompa e vola


Palummella zompa e vola è una canzone napoletana popolare anonima, ispirata da un'aria del personaggio di Brunetta dall’opera buffa La Molinarella, di Niccolò Piccinni, andata in scena a Napoli nel 1766.Il testo originale era una satira contro il Regno d'Italia e un lamento alla perduta libertà del meridione all'indomani di quella che per taluni era ritenuta una conquista ingiusta. La cosa non appare strana se si considera che all'epoca era cosa non rara utilizzare arie di canzoni celebri modificandole per far nascere canzoni satiriche nei confronti dei regnanti. La canzone divenne ben presto molto popolare, ma il testo, considerato troppo sovversivo dalle autorità sabaude, venne modificato e quello originale andò perso. Il testo, così come oggi lo conosciamo, fu redatto e cantato per la prima volta nel 1873, come si evince dagli Archivi sonori della RAI, che ne attribuisce la paternità a Teodoro Cottrau.
Nel film "Ferdinando I, re di Napoli” di Franciolini, pellicola del 1961 girata per i festeggiamenti dell'Unità d'Italia, si vede Eduardo De Filippo interpretare Pulcinella che attraverso la canzone Palummella prende in giro Ferdinando I di Borbone. Il regista, commise un falso storico, nonostante aveva inventato fantasiosamente la storia della canzone e presentandola come rivolta contro il "re Borbone".
questa canzone era vietata anche fischiettarla e in molti hanno pagato caro la sfida di fischiettarla per strada

Testo della canzone (versione attuale)
« Palummella zompa e vola

addó sta nennélla mia…
Non fermarte pe’ la via
vola, zompa a chella llá…

Co’ li scelle, la saluta…
falle festa, falle festa
attuorno attuorno…
e ll’hê ‘a dí ca, notte e ghiuorno,
io stó’ sempe, io stó’ sempe a sospirá…

Palummella, vola vola
a la rosa de ‘sto core…
Non ce sta cchiù bello sciore
che t’avesse da piacé…

‘A ll’addore, ca tu siente…
‘a chill’uocchie, ‘a chill’uocchie,
‘a chillo riso…
credarraje,
ca, ‘mparaviso,
tu si’ ghiuta… tu si’ ghiuta…
oje palummé’!

A lu labbro curallino,
palummé’ va’ zompa e vola…
‘ncopp’a chillo te cunzola
e maje cchiù non te partí!…

Ma si vide ca s’addorme…
e te vène, e te vène,
lo tantillo…
tu ll’azzecca
no vasillo…
e pe’ me, e pe’ me,
n’auto porzí!

testo della canzone ricordata dai più anziani

Palummella zompa e bbola
Dint”e bbraccia ‘e nenna mia
Vancelle a ddicere ca io mo moro
Palomma mia palomma mia dincello tu
So’ bbenuto da Palermo
Pe bedè a nenna mia
St’uocchie tuoie so’ mmalandrine
Hann’arrubbato,hann’arrubbato ‘o core a me
Cacciatore ca vaie a caccia
A sta quaglia mpertinente
Essa ha ngannate a tante ggente
E mo te nganna a mo te nganna pure a te

sarebbe bello trovare il testo originale ormai perduto
Rocco Michele Renna

 

Nessun commento:

Posta un commento